Inforicambi

Accessori e tecnologia

Auto volanti: Toyota finanzia il progetto “Skydrive”

Siamo in ritardo rispetto alle previsioni di Ritorno al futuro (la trilogia di Robert Zemeckis oramai diventata cult) ma ci stiamo arrivando. Sono sempre più, infatti, i progetti di auto volante che stanno fiorendo e che ci fanno pensare come sia sempre più prossimo il momento in cui questo nuovo mezzo di trasporto passerà dall’essere fantascienza al diventare realtà. Ed infatti, accanto alle tante case famose già lanciatesi nel progetto (Uber, AeroMobil, Larry Page, Airbus, tra le altre) è dell’ultima ora la notizia che anche Toyota sta iniziando a pensare concretamente all’idea di auto volante.

La casa nipponica, da sempre pioniera nel lancio di nuove tecnologie, ha infatti recentemente annunciato la propria intenzione di finanziare il progetto “Skydrive”. Si tratta di un progetto nato da un’idea della startup Cartivator e finanziato (con 350 mila dollari), appunto, da Toyota. L’obiettivo è quello di riuscire a far volare il primo prototipo entro il 2018, con il sogno di vedere una propria auto utilizzata per accendere il braciere olimpico di Tokyo 2020. Si spera, inoltre, di commercializzarla a partire dal 2023, per vederla diventare di massa già dal 2030 ed un normale mezzo di trasporto nel 2050.

Per quanto riguarda le caratteristiche dell’auto, già sono state rilasciate delle informazioni. Sarà, infatti, lunga tre metri e larga 130 centimetri, sarà in grado di raggiungere i 150 km/h su strada ed i 100 in volo, potrà alzarsi ad un’altezza di 10 metri. Ovviamente sono tante le difficoltà che dovranno essere superate e che potrebbero anche portare a stravolgere le caratteristiche del prototipo ma ciò non toglie che ciò che sembrava utopia è vicino a diventare realtà. Anche senza l'aiuto del dottor Emmett Brown.

Marco Ferazzoli

Commenta