Accessori e tecnologia

Auto a zero emissioni di CO2: il sogno diventa realtà!

auto che fa benzinaCostruire un motore a combustione a zero emissioni di CO2 sta diventando realtà. Il tutto grazie a una componente segreta: i carburanti sintetici o carburanti a zero emissioni di CO2, ottenuti tramite un processo di fabbricazione che cattura la CO2. Grazie a questo procedimento, la CO2 diviene una materia prima da cui è possibile ricavare benzina, diesel e gas sostitutivo del gas naturale, utilizzando l'energia elettrica ottenuta da fonti rinnovabili. "I carburanti sintetici possono trasformare le auto alimentate a benzina e diesel in vetture a zero emissioni di CO2, contribuendo significativamente alla riduzione del riscaldamento globale", spiega Volkmar Denner, presidente del Consiglio di Amministrazione di Robert Bosch GmbH. Gli esperti Bosch hanno fornito una stima precisa del contributo che potrebbe venire dal solo parco veicoli europeo: entro il 2050, l'utilizzo programmato dei carburanti sintetici come strategia complementare alla mobilità elettrica, potrebbe farci risparmiare 2,8 miliardi di tonnellate (2,8 gigatonnellate) di emissioni di CO2 . Tale cifra equivale a tre volte le emissioni di CO2 della Germania nel 2016.

Benefici

Carburante automobileOltre al vantaggio della riduzione delle emissioni, i carburanti sintetici consentono inoltre di ridurre a zero la produzione di fuliggine, con conseguente taglio dei costi delle tecnologie di trattamento dei gas di scarico. Un altro vantaggio cruciale di questa soluzione consiste nella possibilità di continuare a utilizzare la rete esistente dei distributori di carburante, nonché di sfruttare le competenze sinora raggiunte nel campo dei motori a combustione. Lo studio condotto da Bosch evidenzia inoltre il fatto che se anche le auto elettriche diventassero più alla portata di tutti in futuro, risulterebbe comunque conveniente proseguire nello sviluppo di questi combustibili sintetici. Bosch ha infatti calcolato che fino a una durata di vita dell'auto di 160.000 chilometri, il costo totale di proprietà di un veicolo ibrido alimentato con un combustibile sintetico potrebbe essere inferiore a quello di un'auto elettrica per spostamenti a lungo raggio, a seconda del tipo di energia rinnovabile utilizzato.

Come si producono i carburanti sintetici?

I carburanti sintetici si ottengono esclusivamente da energia rinnovabile. In una prima fase, si produce idrogeno dall'acqua. A questo viene aggiunto il carbonio, per produrre un carburante liquido. Il carbonio aggiunto può essere riciclato da processi industriali, o catturato dall'aria utilizzando appositi filtri. Combinando CO2 e H2 si ottiene il carburante sintetico che può essere benzina, diesel, gas, o persino cherosene.

Qual è la differenza tra i carburanti sintetici e  i biocarburanti?


A differenza dei biocarburanti, i carburanti sintetici non sono in competizione con la produzione alimentare. Quindi non generano problemi etici. Se viene impiegata energia rinnovabile, inoltre, le limitazioni sui volumi applicabili ai biocarburanti, connesse a fattori come la disponibilità di terreni fertili, non sono applicabili ai carburanti sintetici.

Commenta