Inforicambi

Accessori e tecnologia

Dalle Tv ai componenti auto: l’obiettivo di Panasonic

L’hi-tech fa sempre più rima con componentistica auto. Dopo l’accordo andato in porto tra Samsung e Harman International Industries, ora tocca a Panasonic.  Il cinguettio dello scorso 21 marzo è chiaro e nitido: “Panasonic – recita il tweet - acquires Additional Shares of @FICOSA_Int to speed up technological synergies between both companies”. Il colosso nipponico annuncia, dunque, di avere comprato un ulteriore 20 per cento delle azioni di Ficosa International. Diviene, pertanto, socio di maggioranza avendo già in mano (prima di questa operazione) il 49 per cento del capitale della società con sede madre a Barcellona. Con l’impresa spagnola, skillata nella produzione di componentistica auto (da tergicristalli e specchietti retrovisori a sistemi automatizzati e di comunicazione), Panasonic vuol stringere un legame sempre più stretto nel campo dell’innovazione legata soprattutto alla guida autonoma (fronte dove Intel ha investito proprio in questo giorni), connettività e sistemi di sicurezza. L’obiettivo dichiarato da Panasonic è quello di raggiungere, entro il 2019, un fatturato di 2 trilioni di yen derivante dal suo business automobilistico e incrementare la commercializzazione dei prodotti sviluppati congiuntamente dalle due aziende. S.B.

Commenta