Inforicambi

Accessori e tecnologia

Esporre il tagliando assicurativo non è più necessario, ma solo la metà degli italiani lo sa

Nonostante il provvedimento che ha abolito l’obbligo di esporre il tagliando assicurativo sia in vigore oramai da un anno, quasi il 50 per cento degli italiani pare non avere ben chiara la questione e di non sapere quali documenti sia necessario mostrare in caso di controlli.

 

Dunque 3 italiani su 10 ritengono ancora fondamentale l’esposizione del tagliando assicurativo sul parabrezza. Il 5 per cento è convinto che non serva portare con sé alcun documento e il restante 14 per cento non ha la benché minima idea di come comportarsi.

Solo il 53 per cento sa che l’unico documento da portare con sé è il certificato di assicurazione, senza tagliando. Ma a vacillare nell’incertezza sono più le donne che gli uomini.

Tali risultati sono stati estratti da una indagine (“Stetoscopio – Il sentire degli assicurati italiani”) promossa dalla compagnia assicurativa online QUIXA e condotta dall’Istituto di ricerca MPS Evolving Marketing Research.

Quindi si è cercato, e si sta cercando ancora, di facilitare le pratiche e chiarire gli eventuali dubbi sulle modalità di controllo della polizza, tanto che una circolare del Ministero dell’Interno ha dato la possibilità di esibire semplicemente il certificato in formato digitale a patto che si utilizzi una applicazione, come Quixa ad esempio.

L’automatizzazione e la digitalizzazione di processi burocratici (pubblici e privati) è ben vista e voluta dal target giovanile che, di contro però, si preoccupa delle difficoltà che invece possono incontrare genitori e nonni, vittime di un’ampia ‘analfabetizzazione digitale’.

Senza ancora staccarsi definitivamente dalle pratiche in forma cartacea e ‘umana’, si sta cercando a poco a poco di trasferire tutto in forma completamente digitale affinché si arrivi ad un mondo più veloce, efficace ed efficiente per tutti, indistintamente.

Costanza Tagliamonte

Commenta