Inforicambi

Automotive

Automotive ed advertising: binomio perfetto

Si parla ancora di automotive, si parla di nuovo di advertising. Si parla dunque di investimenti in advertising del settore automotive.

La rivista Advertising Age, affiliata ad Automotive News Europe, ha pubblicato i risultati non del tutto inaspettati di uno studio sui primi 100 spender in pubblicità a livello planetario.

La classifica riporta, tra i maggiori investitori, aziende come Procter & Gramble, Unliver, L’Oreal e al quarto posto globale, dunque come prima del settore automobilistico, posiziona Volkswagen con una spesa di 6,6 miliardi di dollari in tutto il 2015. Una tra le possibili motivazioni di questo grande investimento può essere legata allo scandalo del 2015 che ha messo l’azienda in ginocchio che a poco a poco sta cercando di risollevarsi anche tramite una buona campagna pubblicitaria. Comunicare al mercato e al cliente, specialmente dopo una forte crisi, è la prima e più delicata fase, Volkwagen pare investire bene in comunicazione e conta di recuperarne in vendite, rialzandosi più forte.

A seguire, al secondo posto del settore, vi è General Motors con 5,1 miliardi di dollari investiti, ancora Daimler con 100 milioni in meno della precedente, Ford con 4,3 miliardi, Toyota 4,1 miliardi, non da meno il gruppo FCA, di Sergio Marchionne, con 3,9 miliardi di dollari e BMW con 3,1 miliardi di spesa.

Riepilogando gli USA sembrerebbero essere il paese che investe di più nel settore pubblicitario con una spesa di 115,2 miliardi di dollari, seguito dalla Germania con i suoi ‘discreti’ 28,9 miliardi di dollari. C’è da evidenziare che il settore automotive, a livello globale, è quello che spende di più ed a questo è doveroso aggiungere una considerazione fondamentale, che la pubblicità è il settore più costoso, capace di muovere miliardi.

 

Di Costanza Tagliamonte

Commenta