Automotive

Il ritorno del V12: Ferrari 812 GTS

Un gradito ritorno, anche perché quel V12 aspirato è patrimonio dell’automobilismo: dalla Ferrari arriva la nuova 812 GTS

A distanza di cinquanta anni dall’introduzione della prima spider di Maranello con motore V12 anteriore, ecco arrivare un’altra bellissima novità: la Ferrari 812 GTS .

Dopo la mitica Daytona Spider del 1969, della 550 Barchetta Pininfarina del 2000, della Superamerica del 2005, della SA Aperta del 2010 e della recente F60 America , ritorna a splendere, un dodici cilindri glorioso, mitico.

Un aspirato di quelli che emanano una melodia incredibile, un propulsore puro, da 800 cavalli e 718 Nm di coppia massima a ben 8.900 giri al minuto, una scoperta dalle prestazioni mozzafiato. 

Tetto rigido che all’occorrenza, da fermo ed in movimento fino ad una velocità massima di 45 km/h, in soli 14 secondi, trasforma letteralmente il look della macchina. 

Una spider che diventa una accattivante coupé, la 812 GTS come del resto tutte le vetture di Maranello, di certo non passa inosservata.

Il motore è presto in prestito dalla 812 Superfast, le sue prestazioni sono a dir poco incredibili: nello 0-100 km/h impiega meno di 3 secondi, nello 0-200 km/h solo 8,3 secondi e come velocità massima tocca i 340 km/h. 

Tantissime le novità nascoste sotto il suo lungo cofano motore, tante le soluzioni tecniche prese in prestito dalla Formula 1: è il caso dei condotti di aspirazione a geometria variabile, o il cambio doppia frizione dai rapporti accorciati.

La particolare geometria dello scarico esalta il sound del 12 cilindri: tutti i condotti di scarico 6 in 1 hanno uguale lunghezza per una ottimizzazione e regolarità del suono!

Marco Lasala 

Commenta