Inforicambi

Donne e motori

L’auto a misura di donna. Spunti, requisiti e sondaggi.

Potrà sembrare strano, ma al contrario di quanto si può pensare, anche l’universo femminile esprime delle esigenze particolari sulla scelta della propria automobile, legate a tratti della personalità ed allo stile di vita. Nulla di tanto diverso rispetto ad un uomo insomma!

Piccola ed efficiente o spaziosa e comoda, purché sia un’utilitaria, che possa accogliere figli e spesa maxi, facile da guidare nel caos cittadino e soprattutto da parcheggiare, quindi scattante e dal design semplice, ma non anonimo. Queste alcune delle caratteristiche essenziali che un’auto a misura di donna deve possedere.

La classifica delle automobili

Diversi sono i modelli che rispecchiano questi particolari. Secondo le varie ricerche che si è tentato di fare su quale fosse l’automobile ‘rosa’ ideale, possiamo provare a stilare una classifica che vede sul podio Mini, Nissan, Kia, Honda e Mitsubishi.

La classifica di panorama auto ad esempio mette al primo posto la Fiat 500, al secondo la Lancia Y e a seguire Nissan Mice e Nissan Juke.

Invece secondo MotorCompass l’auto preferita dalle donne è la Mercedes Classe A 200, grintosa e ‘fashion’, piace alle donne perché maneggevole come una citycar, ma raffinata, esteticamente bella ed elegante, come una donna.

Il lussuoso marchio Mercedes ha anche pensato di lanciare sul mercato una linea di profumi dedicati all’universo femminile: Mercedes-Benz Parfume Donna, per una donna brillante, indipendente e carismatica. Accanto al profumo sono stati ideati anche Gel doccia, Deodorante spray profumato ed una linea di smalti che riprendono i colori delle auto del brand.

Dunque, possiamo individuare due categorie di automobili associate a due tipi di donne:

  1. Un’auto dalle medie dimensioni e dal piacevole design per le donne indaffarate, madri, talvolta anche casalinghe, le quali hanno bisogno di praticità ed efficienza;
  2. Un’auto spaziosa, elegante e raffinata per le donne in carriera amanti del bello associato comunque all’efficienza.

 

A cura di: Costanza Tagliamonte

Commenta