Lavoro ed Economia

Accesso al credito: 200 milioni per il Mezzogiorno

Oggi un’azienda sa fare aftermarket se esprime una giusta dose di competitività in grado di generare plus rispetto ai competitor. Pena l’esclusione da un giro d’affari, quello indipendente, che continua a crescere senza sosta. Qualche giorno fa, abbiamo parlato di alcuni finanziamenti per migliorare lo spessore tecnologico delle imprese, oggi esaminiamo cosa offre il Fondo di Garanzia per le Pmi che operano nel Meridione d’Italia.

 

Risorse economiche fino a 200 mln di euro

Nell'ambito del Fondo di garanzia, il Ministero dello sviluppo economico ha messo a disposizione risorse fino a 200 milioni di euro per agevolare l’accesso al credito delle piccole e medie imprese e dei professionisti operanti nel Mezzogiorno (Riserva PON IC).

Obiettivi

Le risorse sono funzionali per interventi di garanzia diretta, controgaranzia, cogaranzia (comprese le garanzie su portafogli di finanziamenti) oltre ad operazioni finanziarie in funzione delle finalità e degli interventi specifici del Programma Operativo Nazionale “Imprese e Competitività” 2014-2020 FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale). Inoltre, il piano di investimenti agevola anche attività collegate a nuovi progetti aziendali (come la realizzazione di nuove strutture o di campagne di marketing) e  attività di penetrazione in nuovi mercati nonché l’ottenimento di nuovi brevetti.

Concessione dei contributi

La garanzia è concessa in favore dei soggetti beneficiari a titolo gratuito con una copertura massima dell’80 per cento del finanziamento . Maggiori informazioni sono disponibili in questa scheda informativa.

Commenta