Lavoro ed Economia

Autoricambi, mettersi in proprio con il franchising

aprire un franchising di ricambi autoIl franchising potrebbe essere una formula vincente per i neo ricambisti che vogliono intraprendere un’attività imprenditoriale. Legarsi ad un brand già noto, mediante un contratto di affiliazione commerciale, sembrerebbe prendere sempre più piede nel mondo del post vendita nazionale. Anche perché non serve una particolare ‘esperienza’: sarà compito del franchisor offrire l’adeguata formazione tecnica, amministrativa e di marketing al ricambista. Il fenomeno pare spopolare in Italia: secondo l’ultimo rapporto di Assofranchising, nel triennio 2014-2016 il franchising, ha visto crescere, su scala generale, il suo il giro d’affari del 3,05 per cento. In aumento anche i punti vendita l’ (+1,90%) e gli addetti che sono aumentati del 4,72 per cento. A calare la lente di ingrandimento sui pro e contro del franchising negli autoricambi è il sito Infofranchising.it che sùbito arriva al punto centrale: “Le reti in franchising di auto officine e ricambi auto – si legge -  sono infatti in grado di offrire know how, esperienza e formazione nonché affiancamento, guidando ed istruendo il nuovo affiliato”.

I passaggi per aprirlo

  1. Seguire l’iter burocratico per l’avvio di un’attività
  2. Avere a disposizione il budget richiesto
  3. Avere a disposizione un locale commerciale semi centrale di 30 – 40 metriquadri minimi
  4. Avere i requisiti richiesti dal franchising e di quelli richiesti dalla legge

Il costo

Si aggira intorno ad una forbice che va dai 15.000 ai 20.000 euro circa.

Pro dell’affiliazione

  1. Esperienza e know-how
  2. Format gestionale collaudato e brand riconosciuto
  3. Marketing e comunicazione a livello nazionale
  4. Supporto, affiancamento, formazione e corsi di aggiornamento
  5. Forniture a condizioni vantaggiose
  6. Potere commerciale della rete
  7. Diminuzione del rischio
  8. Redditività elevata
  9. Allestimento e forniture complete per il negozio o l’auto officina

Contro

Parallelamente ai vantaggi, esistono anche dei limiti. Come spiega sempre Infofranchising.it: “Affiliarsi ad un’auto officina o un negozio di ricambi in franchising comporta spesso il versamento di una fee d’ingresso, di royalty sul fatturato, di altri canoni ed il vincolo di rifornimenti centralizzati o presso i fornitori della rete”.

Commenta