Lavoro ed Economia

Fatturazione elettronica: ecco cosa cambierà dal 2019

fattura elettronicaUna ‘rivoluzione’ che interessa anche le aziende dell’aftemarket automotive.  Dal 1° gennaio 2019 tutte le fatture diventano elettroniche. Vuol dire che qualsiasi documento di vendita, emesso da un’azienda o da un professionista (ovvero da un soggetto con Partita IVA) e che rappresenta una “fattura” sarà considerato valido solo se generato in un particolare formato elettronico (.xml) e inviato tramite un sistema di certificazione dell’Agenzia delle Entrate, detto SdI. Un cambiamento radicale che interesserà tutte le attività commerciali italiane, anche il nostro post-vendita, con alcune eccezioni: per il 2019, infatti, sono esonerati dall'obbligo di emissione i professionisti che applicano il regime forfettario e il regime dei minimi o regime di vantaggio, i medici e i farmacisti, le società sportive dilettantistiche che hanno incassato proventi inferiori a 65mila euro, e tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi che sono rese nei confronti di soggetti non residenti, comunitari ed extra comunitari (eccetto il “Tax Free” che prevede l’obbligo anticipato già al 01/09/2018). Risparmiare tempo, ridurre la documentazione cartacea e soprattutto snellire il processo della digital transformation:  i vantaggi che il nuovo sistema di fattura elettronica darà alle aziende.

Commenta