Ricambi auto

Conosci l’importanza dell’ammortizzatore?

Lo stand di Japanparts adf AutopromotecGeneralmente l’automobilista conosce gli intervalli di manutenzione di olio e filtri. Ma provate a chiedergli quella riguardante gli ammortizzatori? Forse sa solo che essi devono avere una durata molto lunga nel tempo e che il loro compito sia quello di assicurare comfort nel molleggio dell’auto. In più, nei normali programmi di manutenzione la considerazione degli ammortizzatori è scarsa o inesistente. Eppure un ammortizzare non perfettamente funzionante, privo della necessaria forza smorzante, sebbene non abbia un impatto evidente sul comfort di guida, può avere effetti molto gravi sulla sicurezza. Per non guidare un veicolo potenzialmente pericoloso senza rendersene conto, ecco che scende in campo Japanparts Group. L’azienda,  che da 30 anni è specializzata nei ricambi per veicoli asiatici europei ed americani con i brand Japanparts, Ashika e Japko, amplia la propria gamma di ammortizzatori, presentando le sue ultime novità in aftermarket nella cornice di Autopromotec 2017.

 

Conosci l’importanza dell’ammortizzatore?

Ammortizzatore JapanapartsL’ammortizzatore è il principale elemento della sospensione, è il collegamento tra la ruota ed il telaio. I compiti principali degli ammortizzatori sono due: la riduzione delle sollecitazioni trasmesse dal movimento delle ruote su terreni non uniformi, e la limitazione del movimento del veicolo in curva o in frenata tenendo sempre i pneumatici incollati alla strada. L’ammortizzatore va a assorbire e dissipare l’energia che viene impressa o sprigionata dalla sospensione e quindi ad equilibrare il sistema fermando nel tempo l’oscillazione della massa. La taratura dell’ammortizzatore determina quindi il tempo necessario per eliminare l’oscillazione. Premessa non scontata come sembrerebbe, visto che l’automobilista medio sa poco o nulla su questo importante componente, e nei normali programmi di manutenzione la considerazione degli ammortizzatori è scarsa o inesistente.

Quanto dura un ammortizzatore?

L’Istituto internazionale di ricerca GiPA (Groupement inter Professionel de l’Automobile), specializzato nel settore automotive, ha condotto studi sulla durata degli ammortizzatori, concludendo che garantiscono 60-80.000 chilometri di percorrenza. E che i pericoli si manifestano oltre questo limite. Il margine di tolleranza dipende da molti fattori, come la qualità delle strade e lo stile di guida. Strade sterrate o con molte buche, così come uno stile di guida scattoso e poco incline a fare attenzione a dossi e cunette, riducono notevolmente l’aspettativa di vita degli ammortizzatori. Per questo devono essere controllati ogni 20.000 chilometri.

Sostituzione

Gli ammortizzatori vanno sostituiti in coppia sullo stesso asse Si raccomanda di sostituire, oltre all’ammortizzatore, anche i kit di protezione che possono perdere le loro proprietà elastiche.

L’impegno di Japanparts

Magazzino JapanpartsIl Gruppo ha dedicato importanti investimenti per lo sviluppo di questa categoria di articoli che in poco tempo è divenuta prodotto fast moving. Per questo motivo l’azienda ha aumentato quest’anno la superficie di stoccaggio, aggiungendo un magazzino dedicato esclusivamente a questo prodotto di ben 13.000 metriquadri. Sono oltre 1.600 attualmente le referenze codificate, tutte prontamente disponibili nel magazzino centrale di Verona, il che permette una rapidità efficiente nelle consegne non solo in Italia, ma in tutti i paesi in cui i marchi del Gruppo sono presenti.

Ma il lavoro non si ferma qui

La  continua implementazione di questi articoli segue una corsia preferenziale nel reparto marketing prodotto, con l’aggiunta costante di nuove applicazioni. Solo negli ultimi 2 mesi l’azienda inserendo oltre 300 nuovi codici ha aumentato la copertura del parco circolante in Europa. Portandola a un totale 94 per cento.

Cosa include la gamma

Non solo prodotti impiegati sui modelli asiatici, in cui Japanparts Group è da sempre specialista, ma anche modelli europei ed americani: dal Gruppo VAG, al Gruppo FCA, Gruppo Reanult (Renault – Nissan - Dacia), Gruppo PSA, BMW, GM, Mercedes, Subaru, Toyota e Volvo. Tra gli inserimenti più recenti Cadillac, Hummer, Land Rover, Smart, Piaggio e DR. Questo assortimento può oggi considerarsi uno dei più completi del settore aftermarket, alla pari dei marchi di riferimento nel mercato con un numero di referenze che pochi altri possono proporre.

Come avviene la produzione

Per la produzione vengono utilizzati materiali e componenti di alto livello, con lavorazioni di gran pregio. Lo stelo possiede una cromatura ad alta resistenza, anelli di tenuta NOK che si distinguono per la lunga durata e proprietà di tenuta. Completano il procedimento la verniciatura e le saldature accurate. Sui valori di taratura (compressione e distensione), su tutto lo spettro di funzionamento, il prodotto sfoggia un risultato più che buono e si posiziona allo stesso livello dei prodotti di riferimento sul mercato per qualità e affidabilità.

Packaging

Anche nella scelta delle confezioni è stata prestata particolare attenzione, in modo da garantire un risparmio notevole di spazio e una riconoscibilità immediata del prodotto. A tutto ciò si aggiungono i listini prezzi competitivi, di sicuro interesse rispetto alla media del mercato. 

Supporti ammortizzatore

A completamento del servizio si affiancano i supporti ammortizzatore che vanno inseriti nella molla elicoidale per irrigidire la vettura e controllarne il molleggio e i kit parapolvere che, con sole 6 referenze, permettono di coprire il 92 per cento del parco circolante, entrambi perfettamente compatibili con gli ammortizzatori commercializzati..

 

 

 

CARTA D’IDENTITA’

Azienda: Japanparts

Sede: Verona

Anno di nascita: 1988

Business: specializzata nei ricambi per veicoli asiatici europei ed americani

Brand: Japanparts, Ashika e Japko

Gamma prodotto: comprende 140 diverse famiglie di articoli che abbracciano tutte le tipologie della ricambistica, dalle parti motore ai freni, dalle frizioni alle parti elettriche alle sospensioni, con la sola esclusione delle parti carrozzeria

Fatturato 2016 : oltre 75 milioni di euro

Export: presenza in più di 70 Paesi per un totale di 5 Continenti

Commenta