Ricambi auto

Il ricambio tarocco si combatte con l’originale

Il presidente di AsconautoL’utilizzo del ricambio originale è anche la migliore garanzia contro la diffusione di ricambi contraffatti, che non solo rappresentano una pericolosa contiguità con il mondo della truffa ma sono anche un vero e proprio “attentato” alla sicurezza degli automobilisti. Lo sostiene con forza AsConAuto. L’Associazione Nazionale Consorzi Concessionari Auto (che chiude positivamente il primo semestre dell’anno con una crescita a 2 cifre) sta portando avanti un’azione volta ad una diffusione capillare dell’uso dei ricambi originali sul territorio e la messa in opera di un sistema commerciale e distributivo ottimizzato, localizzato in modo speciale nelle Regioni del centro-nord Italia. L’Ente in questo modo assicura una crescita costante alla rete. Questo nonostante la forte crisi tra il 2009  e il 2015, del settore automotive che ha visto  chiudere  circa  il 40 per cento dei Concessionari (stima AsConAuto).   “Abbiamo cercato sùbito – evidenzia il presidente Fabrizio Guidi (nella foto) -  di facilitare la comunicazione tra concessionari e autoriparatori per l’acquisto e la vendita dei ricambi originali. E oggi lo facciamo, ancora meglio, attraverso Integra. Unica piattaforma, realizzata su licenza Star della NADA, che mette in comunicazione la piattaforma gestionale dell’officina e quella delle concessionarie. Ma non solo. Abbiamo aggiunto un decodificatore che fa vedere gli spaccati dei ricambi  per fare ordini senza rischio di errore. Tutta la attività interna di AsConAuto, verso i nostri affiliati e verso i nostri soci, si basa sulla comunicazione digitale”.  “Nel futuro – conclude - dopo aver appena consegnato un’app che riguarda il mondo dei concessionari, ne lanceremo una per  il mondo degli autoriparatori che darà la possibilità di conoscere i loro dati e  le loro prestazioni nei consorzi e nella Associazione”.

Commenta