Ricambi auto

Ricambisti: così piccoli, così grandi

Raffaele Bulzomì, ricambistaQuale sarà il destino dei piccoli ricambisti, come potranno continuare ad operare in un ambiente sempre più difficile? Inforicambi questa domanda se l’è posta più volte, cercando  di sondare e intercettare le sensazioni dei dettaglianti nostrani, come quella evidenziata da Giuseppe Nanula nell’articolo ‘Ricambista: tu vivrai!. Oggi abbiamo ascoltato un altro ricambista, chiedendogli come fronteggia le difficoltà del lavoro quotidiano.  Il nostro gentile interlocutore è Raffaele Bulzomì (nella foto), titolare, insieme a Giacomo Fidale, del negozio di ricambi auto Car’s Service di Polistena (Reggio Calabria). L’attività si sviluppa su un’area vendita e uffici di circa 100 metriquadri affiancata da un deposito di circa 600 metriquadri. Il punto vendita ha aperto nel 1977 ma Raffaele si è inserito nella società nel 2000. Nel negozio lavora anche un dipendente mentre un collaboratore part time si occupa solo della parte internet che, come vedremo, è abbastanza sviluppata.

Il web come risorsa

Vendita di ricambi auto onlineIl nostro intervistato ci parla delle difficoltà di operare in un paese non grandissimo (Polistena ha circa 10.000 abitanti) nel quale operano anche altre attività in un contesto economico per giunta non molto favorevole. La crisi morde ancora e le persone riparano le automobili soltanto per le cose necessarie, le piccolezze sono lasciate così come sono. Notizie non troppo positive anche dai rapporti con gli altri operatori che, nonostante i ripetuti tentativi, non sono stati disponibili a fare rete perché considerano gli altri come avversari e non come colleghi. Soddisfazioni invece sono arrivate da internet: l’azienda ha il sito di e-commerce e ha un negozio su eBay. Le due piattaforme lavorano in sinergia dato che il popolare sito di aste on-line permette di vendere diversi articoli legati alle auto d’epoca e storiche e questo ha ampliato un bacino d’utenza altrimenti limitato.

Con il web decolla il ricambio vintage

Ricambi per Fiat 500La specializzazione è vista come una caratteristica favorevole perché è un modo per offrire un servizio migliore e, nel caso delle auto storiche, ha permesso a Car’s Service di cavalcare un tema di grande interesse fra gli appassionati, com’era apparso nell’articolo dedicato alle Fiat 500 storiche.  Con le auto d’epoca e internet, per esempio, Raffaele è riuscito a movimentare un magazzino che risaliva la 1977 e che poteva sembrare invendibile: in questo caso il web ha agito come un grande marketplace nel quale far incontrare domanda e offerta.

 

Come competere con i grandi

Per competere efficacemente con le grandi reti, che fanno accordi internazionali di grande respiro (il nostro interlocutore è stato all’edizione 2015 di Autopromotec  ed è quindi a conoscenza di queste realtà), Raffaele è convinto che le contromisure possibili siano una logistica veloce e una grande precisione: il pezzo richiesto deve arrivare entro 24 ore e deve essere quello giusto. Durante l’intervista abbiamo anche raccolto la testimonianza di come la Calabria registri l’arrivo di tanti gruppi in una specie di colonizzazione che punta quasi soltanto al prezzo: ci si può difendere soltanto con uno sforzo di competizione sul prezzo con una logistica efficiente ed una consulenza specializzata.

Scegliere il giusto distributore

distribuzione ricambi per autoPer arrivare all’obiettivo si è dovuto quindi selezionare i grossisti per la loro puntualità e precisione, anche se si è in buoni rapporti un po’ con tutti perché il ricambio si deve trovare. L’attività non ha invece previsto, almeno finora, iniziative speciali basate sulla stagione o offerte basate su un certo arco temporale.

 

 

 

Off the record

Raffaele ci ha anche accennato ad un fenomeno inquietante: i produttori tendono a non fornire alle reti indipendenti i sensori più avanzati, come le videocamere e i radar usati dai moderni ed evoluti ADAS più sofisticati, mentre per debimetri e misuratori di temperatura  pressione non sembrano esserci problemi.

auto ricambiPiccolo si può?

Cosa dire alla fine di questa intervista se non: “piccolo si può”? Occorre però darsi da fare, esplorare le possibilità offerte dalla rete e offrire servizi e consulenze impeccabili

Nicodemo Angì

Commenta