Ricambi auto

ZF acquista WABCO

Insieme per costituire un fornitore mondiale di sistemi integrati per la tecnologia di veicoli commerciali e industrialiZF sigla un accordo definitivo per l’acquisizione di WABCO al prezzo di 136,50$ per azione. Le due aziende andranno a costituire un fornitore a livello globale di sistemi integrati per la mobilità destinati a veicoli commerciali e industriali, creando valore aggiunto ai clienti ZF di questa tipologia di veicoli. La società risultante avrà un fatturato di circa 40 miliardi di euro. Ricordiamo che WABCO è un fornitore su scala globale di sistemi per il controllo della frenata e di tecnologie e servizi che migliorano la sicurezza, l’efficienza e la connettività di veicoli industriali quali camion, autobus e rimorchi. I suoi prodotti e servizi diversificati comprendono sistemi frenanti integrati e per il controllo della stabilità, sospensioni pneumatiche, controlli per l’automazione della trasmissione, oltre a soluzioni per l’aerodinamica, la telematica e la gestione delle flotte L’importante operazione rientra nella strategia Next Generation Mobility di ZF e amplierà le competenze della società, includendo per la prima volta soluzioni frenanti per veicoli commerciali e industriali. Ciò gioca un ruolo importante per il controllo delle funzioni di guida automatizzata, comprese le manovre per la frenata di emergenza di camion e rimorchi. A seguito dell’acquisizione, i clienti di entrambe le società avranno in ZF un partner che può offrire loro un approccio sistemico totalmente integrato, nuovi sistemi di trazione per la mobilità elettrica e funzioni di guida autonoma. ZF si aspetta che le funzioni per la guida automatizzata saranno prima implementate nei veicoli commerciali e industriali e in aree di bassa complessità e traffico (ad esempio nei siti aziendali, negli aeroporti e in ambito agricolo). La combinazione dei business delle due aziende dovrebbe accelerare ulteriormente lo sviluppo di nuove tecnologie per consentire funzioni di guida autonoma a veicoli commerciali e industriali, rendendo ZF meno dipendente dall’andamento economico del settore delle autovetture.

Commenta