Sicurezza e salute

Bimbi in auto, rischiano 4 casi su 10

E’ bene sempre ricordare e ribadire che quando c’è un bimbo in auto, le regole di sicurezza devono essere seguite scrupolosamente al fine di tutelare l’incolumità durante il viaggio. Ma non tutti seguono in maniera fedele le norme prescritte per trasportarli in sicurezza, soprattutto dopo i 6 anni di età. Più del 40 per cento degli automobilisti (si evince dall’analisi “Stetoscopio - Il sentire degli assicurati italiani”, promossa dalla compagnia assicurativa online Quixa e sviluppata dall’istituto di ricerca MPS Evolving Marketing Research) confessa di non seguire sempre in maniera corretta la legislazione che disciplina un viaggio in totale sicurezza, soprattutto dopo i 6 anni di età: l’85 per cento degli automobilisti che viaggiano con bimbi fino a 5 anni si dichiara prudente alla guida, mentre la percentuale scende al 65 per cento dopo i 6 anni di età. “Con l’avanzare della crescita – spiegano gli analisti -  si tende a minimizzare il rischio, spesso omettendo per esempio l’utilizzo dei rialzi previsti dalla normativa per i bambini più grandi”. Chi lo fa con maggiore attenzione, utilizzando sempre correttamente gli strumenti idonei al trasporto dei minori, sono gli automobilisti del Nord Italia.

 

Dispositivi di protezione

Secondo l’indagine, il 41 per cento degli italiani ammette di non utilizzare sempre i seggiolini o di non avere a disposizione quelli corretti per le diverse fasce di peso. Anche in questo caso, a fare la differenza è l’età: fino ai 5 anni oltre l’80 per cento degli automobilisti si attiene scrupolosamente alle regole, mentre dai 6 anni la percentuale si abbassa al 56 per cento.

Commenta