Sicurezza e salute

L’ultimo passo prima del tachigrafo intelligente

Nel corso dei decenni il tachigrafo è divenuto in misura crescente un elemento centrale di fleet management, garantendo alle aziende di trasporto una sempre maggiore efficienza operativa, rafforzando al contempo il suo contributo alla sicurezza stradale. Nel periodo 2005-2014, infatti, le vittime da incidenti stradali nel trasporto professionale su strada sono diminuite complessivamente del 48 per cento: equivale a circa 1.000 vite salvate e ad un risparmio sociale di circa 2 miliardi di euro.

Il nuovo tachigrafo digitale DTCO 3.0 fa da apripista al cosiddetto tachigrafo intelligente che, a seguito dell’attuazione del nuovo Regolamento (UE) No. 165/2014, sarà obbligatorio sui veicoli di nuova immatricolazione a partire da giugno 2019. La tecnologia del DTCO 3.0 è infatti alla base di quella che, con le opportune implementazioni, sarà utilizzata nel tachigrafo intelligente di VDO, il DTCO 4.0.

Gestione delle operazioni tramite App

Con DTCO 3.0, le funzioni tachigrafiche sono accessibili anche attraverso le App sviluppate da VDO: VDO Driver e TIS-Web Fleet, già disponibili gratuitamente per i sistemi operativi Android e iOS. Con DTCO 3.0, l’inserimento manuale delle attività è reso così molto più semplice: tutti i periodi di riposo possono essere preconfigurati e giustificati direttamente da smartphone tramite App, senza dover più utilizzare il tasto a quattro direzioni presente sul tachigrafo. Un vantaggio significativo in termini di tempo e costi per i suoi utilizzatori. 

“Oggi il tachigrafo digitale è più di un semplice dispositivo per la registrazione dei dati di autisti e veicoli” dichiara Lorenzo Ottolina, Responsabile della Divisione TTS (Tachigrafi, Telematica e Servizi) di Continental Automotive. “È il cuore – aggiunge - di un sistema molto più ampio di trasmissione e gestione dei dati della flotta, capace di interfacciarsi con i più moderni strumenti di scarico dati da remoto, gli smartphone, l’interfaccia CAN dei veicoli e i dispositivi di localizzazione satellitare”.

Commenta

POTREBBE INTERESSARTI