Inforicambi

Sport motori

MotoGP 2017 : nuove modifiche al regolamento tecnico

In vista della prossima stagione del Campionato Mondiale MotoGP, la Commissione Grand Prix capitanata da Carmelo Ezpleta ( Dorna Chairman) ha deciso ed approvato una serie di modifiche che riguardano l’attuale regolamentazione della massima competizione sportiva mondiale su due ruote.

A partire dalla prossima stagione della MotoGP , visto che attualmente nella categoria Moto2 e Moto3 sulle moto dei primi sei piloti che hanno ottenuto la migliore qualifica vengono installate delle telecamere di bordo, al fine di non penalizzare questi con un aggravio di peso, e conseguentemente comportare una minore performance delle loro moto, si è deciso che anche le altre moto partecipanti alla competizione dovranno esser provviste di telecamere o zavorra per un peso equivalente a quello delle telecamere; il peso minimo imposto per la “zavorra” sarà di 2 kg.

Per quanto concerne le gomme, a seguito di una consultazione tra la Michelin , fornitore unico di pneumatici in MotoGP e la Safety Commision, la regolamentazione sulle gomme, cambia. I pneumatici con mescole intermedia non saranno più disponibili, ci saranno mescole da asciutto o bagnato ma verrà introdotta una nuova gomma supplementare che riguarderà i pneumatici slick all’anteriore e posteriore.

Cambiano anche le procedure di inizio gara, nella pit-lane, se non viene rispettato il limite di velocità la multa passa da 150 a 200 euro per pilota, inoltre tutti i piloti possono prendere parte alla gara, nel caso fosse riavviata, anche colore che non hanno preso parte al giro di riallineamento o al warm-up. 

Al fine di garantire una maggior sicurezza dei piloti, sono state apportate modifiche anche al regolamento medico FIM : il personale medico non è più autorizzato a rilasciare dichiarazioni per conto dei piloti o Team, in merito alle loro condizioni di salute e stato, se non ai parenti più vicini. Ogni pilota sarà ritenuto responsabile delle comunicazioni presso il FIM Medical Officer e al CMO, in caso di malattie o infortuni che possono pregiudicare il loro stato di salute e la loro capacità di guida. 

a cura di Marco Lasala

Commenta