Così E.T.F. vuol crescere nell'aftermarket - inforicambi

Automechanika 2018

Archivio >

Così E.T.F. vuol crescere in aftermarket

Gli obiettivi d’impresa: mantenere le posizioni acquisite, offrendo sempre più qualità e gamma

DI STEFANO BELFIORE 

ETF freniNell’aftermarket internazionale legato al mondo del frenante E.T.F.  è un nome che assume sempre più i connotati di un’impresa solida e matura, capace di crescere in modo costante ma con il giusto equilibrio. Reduce dall’ultima edizione di Automechanika Francoforte, l’azienda torinese, guidata da Vilma Marastoni e specializzata nella produzione e commercializzazione di freni per autoveicoli, ha ora un obiettivo: mantenere i risultati traguardati, offrendo più qualità e gamma. Stando sempre con i piedi per terra.

 

Innanzitutto quanto è stata utile e proficua l’edizione di quest’anno di Automechanika Francoforte per E.T.F.?

ETF ad Automechanika FrancoforteL’edizione di Automechanika Francoforte per noi fa parte della tradizione. Più che altro ci è utile per incontrare clienti e amici che nell’arco di due anni non possiamo vedere di persona. In quanto ad essere proficua direi che non ci sono state novità tali da poter fare grandi progetti. Visitatori ne abbiamo avuti, ma riscontri concreti, salvo che fare offerte, al momento non ne abbiamo. Intendo naturalmente nuovi clienti, poichè quelli già acquisiti sono venuti giusto per salutare.

Continui..

Il costo di questa fiera è troppo alto per rapporto a quanto si raccoglie. Ma le ragioni sono nel fatto che di Automechanika ce ne sono troppe per il mondo ed ovviamente la clientela non può ovviamente visitarle tutte. nSe tra due anni sarò ancora io l’amministratore unico, questa sarà stata l’ultima Automechanika Francoforte che facciamo. Con i soldi investiti meglio andare di persona a visitare i potenziali clienti

Ora che obiettivi ci sono in aftermarket?

Il nostro obiettivo è mantenere le posizioni acquisite,  offrendo sempre più qualità e  gamma, ma senza sognare ad occhi aperti.

Commenta