Vip e motori

Donald Trump: corsa alla casa bianca in auto di lusso

Grattacieli, hotel, elicotteri, Boeing 757, gare sportive e, naturalmente automobili, portano il suo nome. Novello re Mida in corsa per la Casa Bianca, Donald Trump, classe 1946, non ha mai fatto segreto della sua passione per il lusso sfrenato. Estremismo, ostentazione ed opulenza contrassegnano anche i suoi gusti in fatto di automobili. 

Automobili extralusso consegnate a domicilio alla Trump Tower

Il magnate newyorchese ha sempre posseduto supercar. Nel 2005 gli fu consegnata, proprio davanti alla Tower che porta il suo nome, una Mercedes-Benz SLR dal valore di 455.000 dollari. L’auto, sviluppata in collaborazione con la scuderia inglese McLaren, montava un V8 da 5.4 litri in grado di raggiungere una velocità massima di 334 km/h, uno scatto da 0 a 100 km/h coperto in 3.8 secondi e di raggiungere i 200 ed i 300 km/h rispettivamente in 10.6 e 28.8 secondi.

La grande passione del magnate americano per le Rolls-Royce

Nella collezione di auto del miliardario non potevano mancare esemplari del brand di lusso su quattro ruote per eccellenza: è una Rolls-Royce Silver Cloud del 1956 la prima automobile guidata dal neopatentato Donald, ma della casa automobilistica britannica Trump possiede anche la leggendaria Phantom. Il prezzo base di questa luxury car è di 417.000 dollari, ma il costo sarà sicuramente lievitato per il magnate, a seguito delle personalizzazioni estreme e alle aggiunte di optional in oro (ricordiamo che nel 2012 commissionò alla Orange County Choppers la completa rielaborazione in oro del suo chopper).

Dalla Casa del Toro alla Casa Bianca: Trump e la sua Lamborghini Diablo

Il candidato repubblicano alle elezioni presidenziali di novembre ha posseduto anche una Lamborghini Diablo: verniciata in un fiammante French Racing Blue e dotata di carrozzeria roadster, montava un V12 da 5,7 litri della potenza di 492 cavalli. Il sedile, interamente in pelle, fu fatto costruire interamente su misura.
L’auto sportiva, acquistata nel 1997, fu ceduta cinque anni più tardi ad un cittadino newyorchese che l’ha poi rimessa sul mercato nel 2015 per soli 299.000 dollari. 
Riuscirà il miliardario a darsi una regolata almeno nelle vesti di presidente degli USA? Sembra già di no: da qualche tempo circolano già rumors che se Trump dovesse diventare presidente potrebbe voler sostituire la flotta di Cadillac presidenziali con delle opulente Rolls-Royce. 

Commenta