Automotive

DR 3.0: la compatta di successo

La DR 3.0 è la vettura più compatta della Casa di Macchia d’Isernia.

L’anima da SUV della nuova DR 3.0 si evince dalla presenza delle protezioni sottoscocca, dei cerchi in lega da 17 pollici, optional quelli da 18 pollici, dal piccolo spoiler con la terza luce di stop e dal lunotto leggermente inclinato.

Le sue dimensioni compatte lo rendono un SUV adatto ad un utilizzo quotidiano.

La nuova DR 3.0 ha una lunghezza di 4,170 mt, una larghezza di 1,760 mt, un’altezza di 1,57 mt ed un passo di 2,555 mt.

Ricca è la dotazione di serie che comprende il climatizzatore, il controllo automatico velocità, l’Hill Holder Control, ossia il sistema elettronico che assistente il guidatore nelle partenze in salita, i sensori di parcheggio posteriori, il TPMS ( controllo della pressione degli pneumatici), la telecamera posteriore, il correttore assetto fari, i retrovisori ripiegabili elettricamente, i vetri elettrici anteriori e posteriori, i comandi audio sul volante, il controllo elettronico della trazione e quello della stabilità, l’EBA, il sistema della frenata assistita, l’EBD, il ripartitore elettronico della frenata ed il tetto apribile.

Ulteriori dispositivi presenti nell’equipaggiamento di serie, in grado di aumentare sicurezza e comfort sono e l’ABS, gli airbag lato guida e passeggero e la chiusura centralizzata, il sistema di infotainment con display multimediale da 8 pollici che comprende il navigatore satellitare e la telecamera posteriore.

DR 3.0 con motorizzazione benzina / GPL

La propulsione è affidata ad un motore benzina e ad un’unità benzina/GPL, entrambi appartenenti alla famiglia ACTECO, si tratta di un quattro cilindri in linea aspirato da 1.5 litri, abbinato ad un cambio manuale.

Il motore benzina sviluppa una potenza di 116 CV con una coppia massima di 135 Nm, mentre la variante bi-fuel sviluppa 114 CV con una coppia di 131 Nm, il serbatoio aggiuntivo GPL ha una capacità di 56 litri.

DR 3.0 è in vendita a un prezzo di listino che parte da 17.400 euro.

Marco Lasala

Commenta