Interviste

Sofinn Italia: come si diventa l'alleato ideale per l'aftermarket automotive

Sofinn Italia: ecco come si diventa l'alleato ideale per l'aftermarket automotiveSofinn Italia: come si diventa l'alleato ideale per spingere avanti l'innovazione dell'aftermarket automotive.

Intervistato dal direttore della nostra testata giornalistica, Stefano Belfiore, il direttore generale di Sofinn Italia, Raffaele Improta, ha parlato, nella corinice di Autopromotec 2022, dell’azienda e della sua vocazione a proporre soluzioni specifiche per l’aftermarket. Il salotto di Inforicambi ad Autopromotec 2022 ha raccolto le idee di Luigi Vampore e quelle di Improta, direttore generale di Sofinn Italia: due sguardi utili a capire l’aftermarket attraverso il portale Inforicambi e le suite di applicazioni di Sofinn. Raffaele Improta ha esordito dicendo che: "L’edizione 2022 di Autopromotec Bologna è un avvenimento molto emozionante dopo il lockdown che abbiamo vissuto. Questa edizione, che sarebbe stata ‘normale’ negli anni precedenti alla pandemia, oggi ci sembra speciale perché segna il ritorno alla presenza, al contatto fisico e al guardarsi negli occhi. Quest'anno abbiamo inteso comunicare un messaggio di tranquillità e quindi l’aspetto dello stand richiama una spiaggia tropicale che ispira un completo relax. Questo perché vogliamo dire ai nostri clienti ‘rilassatevi perché al vostro business ci pensiamo anche noi’, dandovi una mano per portarlo avanti".

 

Le partnership con specialisti sono il segreto per proporre soluzioni specifiche per l’aftermarket

Sofinn Italia è una software house campana con più di 25 anni di esperienza in soluzioni innovative nell'aftermarket automotive. L’azienda vuole comunicare agli operatori del settore di essere un ‘partner solution’, un concetto che Raffaele Improta spiega così: “nel settore del post vendita Sofinn Italia viene vista come una software house e in effetti nasciamo in questo modo più di 25 anni fa. All’epoca le aziende di questo tipo pensavano di riuscire a far tutto da sole, un’impostazione possibile quando le cose erano più semplici e la comunicazione poco sviluppata. Oggi occorre proporre soluzioni dirette e specifiche e non possiamo pensare di riuscirci da soli: per la logistica, ad esempio, abbiamo stretto accordi con le aziende specializzate del settore. Lo stesso accade per i prodotti finanziari, la business intelligence e le banche dati, settore nel quale abbiamo accordi consolidati con Tech Alliance e Quattroruote. Noi scegliamo gli operatori migliori e li aggreghiamo per offrire ai clienti soluzioni complete e specifiche per il modo aftermarket".

 

Proporre soluzioni specifiche per l’aftermarket permette di crescere

Sofinn, grazie alla sua suite di prodotti, ha aumentato l’efficienza e ottimizzato l’organizzazione di più di 3.000 aziende e l’ospite del salotto di Inforicambi ha spiegato che: “questo dato nasce da un impegno costante e da investimenti sia finanziari sia nella professionalità e nei prodotti. La nostra proattività è stata molto apprezzata, così come quella dei nostri servizi. Questa crescita ci ha indotto a cambiare sede e a spostarci da Afragola alle porte di Napoli in uno spazio di 1.000 mq pensato per circa 70 addetti. La pandemia ci ha poi indotto a implementare progetti di smartworking, pensati con il supporto di specialisti del settore che ci hanno guidato anche nelle necessarie e specifiche scelte tecniche”.

 

Anche l’E-commerce richiede soluzioni specifiche per l’aftermarket

L’E-commerce, anche sull’onda delle restrizioni imposte dalla pandemia, è ormai parte integrante del settore e in effetti Sofinn: “propone due soluzioni per il commercio elettronico, una per il B2B e una per il B2C, ossia verso l’automobilista. Entrambe sono collegate alle banche dati, con quella B2B molto specialistica e installata in più di 250 aziende della distribuzione che l’apprezzano per velocità, completezza e possibilità di personalizzazione. Questa piattaforma è in fase di modifica con cambiamenti ispirati alle grandi piattaforme globali. Il B2C è molto interessante ma occorre un cambiamento culturale perché si tratta di un ‘negozio’ che può dare molte soddisfazioni ma che richiede investimenti di un certo tipo perché proiettato in ambiti complessi”. Le soluzioni proposte coprono anche i gestionali aziendali, come verrà esplicitato più avanti, e il modulo sviluppato da Sofinn piace molto all’aftermaket italiano.

 

Riguardo il futuro di Sofinn Italia Improta vede: ”molti impegni e sviluppi, come quello basato sul software di pianificazione aziendale SAP, un riferimento nel settore. È un livello molto evoluto, dedicato alle aziende che vogliono – e possono – fare un salto di qualità importante. Per Sofinn vedo ulteriore crescita e tanto lavoro per guadagnare quote di mercato. Siamo presenti ad Autopromotec 2022 per incontrare clienti, operatori e far conoscere loro i nostri progetti. In effetti queste realtà hanno affidato a noi parte della loro organizzazione e riteniamo giusto condividere con loro le nostre direttrici di sviluppo. È per questo che li abbiamo invitati a Bologna, per porre domande e ricevere risposte. Ho notato una grande positività e un’importante voglia di ripresa, cosa che mi lascia molto soddisfatto. Questa volontà di ripartire riguarda un po’ tutti e la si vede anche dalla completa copertura che Inforicambi ha dato di Autopromotec 2022.

 

Nicodemo Angì

Commenta